MENU

X

FESTIVAL E GIORNATE DELLA DANZA

Percorsi di Danza

1 gennaio 2020

Roberto Bolle torna in tv con “Danza Con Me” 

Per il terzo anno consecutivo saràprotagonista della serata di Capodanno su Rai1 con il grande show dedicato alla danza in tutte le sue forme
MILANO. Non c’èdue senza tre, numero perfetto secondo un proverbio popolare. Così, anche quest’anno, la sera di Capodanno, Rai 1 riparte all’insegna della cultura, dell’arte e del balletto, con “Danza con me”, il grande show di Roberto Bolle, che lo vede non solo protagonista, ma anche ideatore e direttore artistico del programma televisivo. «Ogni anno una grande sfida che accetto volentieri e sempre con grande emozione», ha detto l'etoile della Scala. Prodotto in collaborazione con Ballandi e Artedanza srl, “Danza Con me”torna a puntare sull’eccellenza italiana, con una miscela inedita di danza e ironia, classicitàe innovazione.
 
Un’edizione, la terza, ricca di novitàe con un cast d’eccezione. Iniziamo proprio dagli ospiti, che spaziano dal mondo del cinema a quello della musica e della televisione:Roberto Benigni con Matteo Garrone, Luca Zingaretti, Andrea Bocelli, Stefano Bollani, Marracash featuring Cosmo, Nina Zilli, Alberto Angela, Virginia Raffaele, Luca e Paolo, Svetlana Zakharova, Geppi Cucciari e Giampaolo Morelli. Le fila del racconto della serata sono tenute proprio dall’inedita coppia Cucciari-Morelli.
 
Il fulcro del format resta la danza. «Voglio guardare la realtànegli occhi e porre l’attenzione sulla contemporaneitàaffrontando temi attuali come la compassione e l’ambiente»afferma Bolle. Da qui coreografie inedite come quella di Renato Zanella de “Lo Specchio”dove, indifferente, duetta con un séstesso dilaniato dalla consapevolezza della propria umanitàe dei dolori che la affliggono, fino a rimpadronirsi di un attributo fondamentale per l’essere umano che èla compassione.
La danza classica affascinerà  con pezzi assoluti come “L’Histoire de Manon”di Kenneth MacMillan, perla del repertorio novecentesco. La star mondiale del balletto Svetlana Zakharova, Étoile della Scala di Milano e del Bolshoi di Mosca, la interpreta insieme a Bolle. Protagonisti poi in un altro grande capolavoro dell’800, “La Bayadère”di Marius Petipa.
 
Insomma, uno show unico nel suo genere, con spettacolari invenzioni tecnologiche, messe in scena sorprendenti, e trovate divertenti e ironiche. «Èuno dei nostri programmi di maggior peso presentato a tutti i festival internazionali - ha detto Teresa De Santis, direttore di Rai1 -. Rientra nella nostra idea di innalzamento culturale, ma per tutti, senza escludere nessuno».
Guillem, uno dei miti della danza del XX secolo, cosìsintetizza la scelta di abbandonare, nel 2015 a 50 anni, le scene. All’apice della carriera. «Il mio corpo rispondeva ancora bene, ma differenti erano la consapevolezza del mio fisico e il legame con mente e anima».
Il congedo porta come firma uno spettacolo di coreografie contemporanee, in tournée nel mondo, dal titolo Life in progress. Del resto quella di Guillem èstata, sin dall’inizio, un’esistenza in progressiva trasformazione. Quando nel 2012 a Venezia riceve il Leone d’Oro alla carriera da Biennale Danza, nella motivazione si dice:«Ha ridisegnato la figura della ballerina. Sfidando le leggi della fisica». Figlia di una insegnante di ginnastica artistica, talmente dotata da essere individuata, giàa 11 anni, come una delle promesse olimpioniche francesi (Giochi di Mosca, 1980), della disciplina. Durante uno stage preparatorio all’Opéra di Parigi, trova perònella danza la sua strada. Tant’è. Dopo essere entrata nel Corpo di Ballo del teatro parigino, Rudolf Nureyev, all’epoca direttore artistico della compagnia, nel 1984 la nomina étoile a soli 19 anni:la piùgiovane nella storia dell’Opéra. «Quando ho lasciato Parigi per Londra (nel 1989 entra al Royal Ballet ndr), ho acquisito una nuova consapevolezza del mio corpo e delle prioritàdell’esistenza. Non si trattava solo di preservarlo come strumento, ma creare una simbiosi con la nostra essenza». Da questo, la scelta di danzare solo coreografie in grado di rispondere a questa esigenza.
 
 

INDIRIZZO:

Via Dandolo 51
21100 Varese

CONTATTI:

Email:soniafusco@foyerdelladanza.com
Tel:+390332238600

TRASPARENZA E PRIVACY:

Cookie Policy

Privacy Policy

SEGUICI SUI SOCIAL:

FOYER DELLA DANZA Via Dandolo 51 Varese P.iva 01369370125